Giulia

Giulia

Buongiorno mi chiamo Giulia.

Cinque anni fa avevo sottoscritto con mio marito Angelo un mutuo  per ristrutturare un vecchio  appartamento che mi aveva lasciato mia madre e presso il quale avevamo deciso di trasferirci essendo in affitto.

La nostra banca prima di erogarci il mutuo ci aveva imposto  di stipulare una costosa polizza assicurativa che le  garantisse la restituzione del prestito qualora ci fosse accaduto qualcosa di grave.

In quel periodo lavoravamo entrambi io svolgevo la professione di infermiera presso l’ospedale degli Incurabili e mio marito svolgeva la professione di operatore ecologico per il comune di Napoli.

Dapprima non ci furono problemi in quanto con i nostri stipendi riuscivamo a far fronte al pagamento della rata del mutuo e di un finanziamento che mio marito aveva stipulato per l’acquisto di una nuova automobile.

Dopo circa tre anni però mio marito che era più anziano di me cominciò ad avere dei gravi problemi di salute.

Ci recammo allora insieme presso l’ospedale dove lavoravo e la diagnosi dei medici non ci lasciò alcuna speranza.

Cominciò per me un periodo di vero calvario in quanto oltre a dover provvedere al mio impegnativo ed estenuante lavoro dovevo prendermi cura anche di mio marito.

A causa di questa situazione , soprattuto per lo stress e la sofferenza che mi procurava cominciai a trascurare molte questioni amministrative e per sostenere gli ingenti costi necessari alle cure di mio marito tralasciai per qualche tempo di provvedere al regolare pagamento delle rate mutuo.

Purtroppo , come mi avevano preannunciato i medici per mio marito non ci fu nulla da fare e a distanza di un’anno mio morì.

Mi ritrovai a quel punto completamente sola e con il solo mio stipendio iniziai ad accusare delle serie difficolta’ a provvedere al pagamento della rata del mutuo e del finanziamento dell’auto che per questo decisi di vendere.

Avendo ritrovato tra le carte di mio marito quella polizza che avevamo stipulato insieme presso la nostra banca decisi di recarmi dal direttore, il Sig. Michele che sempre si era mostrato molto gentile e disponibile con noi, per richiedergli se si potesse provvedere a richiedere un’indennizzo alla compagnia assicurativa.

Purtroppo non essendo riuscita a pagare diverse rate del mutuo che risultavano arretrate il Sig. Michele non si comportò con me come era solito fare e pretese che gli versassi immediatamente una somma di cui non disponevo.

Riguardo la possibilità di richiedere un’indennizzo alla compagnia assicurativa lo stesso mi disse che non era possibile in quanto, a suo dire mio marito era già morto da diversi mesi e non era più possibile procedere con l’apertura di un sinistro.

Io mi sentivo disperata in quanto oltre all’unica persona cui volessi bene ora rischiavo di perdere anche l’appartamento che mi aveva lasciato mia madre, un giorno infatti mi giunse dalla banca una raccomandata nella quale la stessa intimava a pagare entro 15 giorni tutte le rate che avevo lasciate arretrate pena l’avvio di azioni legali nei miei confronti.

Provai allora a richiedere un nuovo finanziamento ma purtroppo la situazione pendente con la mia banca non mi permetteva di ottenerlo.

Non sapevo più come fare a risolvere questo problema fino a che un giorno, sfogandomi con una mia collega questa mi suggerì di rivolgermi all’associazione ATESI  in quanto questa le aveva risolto in passato un grave problema legato alla liquidazione di un sinistro assicurativo.

Contattai quindi l’associazione e dopo avere richiesto il tesseramento spiegai ai suoi consulenti la mia problematica.

Questi furono molto disponibili con me , mi richiesero parecchia documentazione riguardante le cause del decesso di mio marito e la copia della polizza che avevamo sottoscritto.

Dopo non molto tempo venni da loro contattata e subito i consulenti dell’associazione furono in grado di farmi ritrovare la calma e la serenità che cercavo.

Mi dissero che non dovevo assolutamente preoccuparmi di quanto mi aveva detto la banca in quanto l’assicurazione doveva pagare e con il loro intervento avrebbe certamente pagato.

Ci volle diverso tempo prima che questo accadesse e dovetti produrre numerosa ulteriore documentazione ma alla fine riuscimmo ad avere la meglio e la compagnia assicurativa provvedette alla completa estinzione del mio mutuo e anche al pagamento di tutte le mie rate arretrate.

Mi sento di testimoniare che senza l’intervento dell’associazione non sarei stata in grado di risolvere questo grave problema che si era instaurato con la mia banca e probabilmente sarei presto finita per perdere anche l’unica casa che avevo oltre a questo devo riconoscere che consulenti dell’associazione sono stati molto premurosi con me e sensibili alla mia triste vicenda personale.

Testimonio di come sia stata un’esperienza molto positiva e mi sento di consigliarla a tutti vivamente.

Giulia